Le tappe del GirOlio 2018

Caprarica di Lecce (LE)

Mercoledì 25 aprile 2018

Controguerra (TE)

Giovedì 5 luglio 2018

Diano Marina (IM)

Sabato 3 novembre 2018

Pitigliano (GR)

Venerdì 9 novembre 2018

Spello (PG)

Venerdì 16 novembre 2018

Canino (VT)

Venerdì 7 dicembre 2018

Alghero (SS)

Venerdì 14 dicembre 2018
Venerdì 9 novembre 2018

Pitigliano (GR)

Scarica il programma in formato PDF

Splendida cittadina dell’Area del Tufo, nel cuore della Maremma Toscana, Pitigliano è uno dei Borghi più Belli d’Italia e Bandiera Arancione. Soprannominato anche La Piccola Gerusalemme, perché a partire dal XVI secolo ospitò una grande comunità ebraica tra le sue mura, Pitigliano è oggi uno dei borghi storici più affascinanti d’Italia ed una tappa imperdibile durante un viaggio in Toscana. Arroccato su una rupe di tufo, il paese si erge imponente sulle valli dei torrenti Lente, Meleta e Prochio, offrendo una meravigliosa vista sulla natura selvaggia ed incontaminata di quest’area della Maremma Toscana. Arrivando con la propria auto, fermandosi al belvedere di fronte al Santuario della Madonna delle Grazie, si ha una prima spettacolare vista dello skyline del borgo toscano. La massiccia roccia tufacea sorregge l’intero abitato, fondandosi con le abitazioni più antiche, fino a diventare un tutt’uno con il paese. Di notte la vista è ancor più spettacolare, illuminato dall’alto dalla luce naturale della luna, il borgo sembra essere sospeso nel vuoto, come sorretto da una forza misteriosa. La storia di Pitigliano ha inizio in epoca antichissima, la leggenda narra infatti che la cittadina sia stata fondata da due giovani romani Petilio e Celiano che, in fuga da Roma dopo il furto della corona d’oro di Giove, si rifugiarono nelle campagne di quest’area, fondando una prima comunità, dalla quale poi si originò la città, che prese il nome di Petiliano originariamente, dalla fusione di quelli dei due romani, divenendo poi, nei secoli successivi, Pitigliano. Oltre la leggenda, il paese di Pitigliano ha una storia ancor più antica, il territorio era già infatti abitato sin dal Neolitico, ma è con l’arrivo degli Etruschi che inizia la storia vera e propria della cittadina toscana, gli Etruschi costruirono le famose Vie Cave, antichissime vie di comunicazione scavate a mano nella roccia tufacea, utilizzate come via di comunicazione e difesa, i primi villaggi, e le meravigliose Necropoli, le Città dei Morti. Oggi Pitigliano è una vero e proprio gioiello di arte, storia e cultura, ogni angolo del suo centro storico racconta un passato ricco di storia, gli stretti vicoli, le piazzette, gli scorci panoramici, a Pitigliano tutto è magico e regala un’emozione unica.
 

COME ARRIVARE

 

In auto: Da Grosseto prendere la SS1 Aurelia fino alla Albinia dove ci si immette sulla Strada Regionale Maremmana la SR74 per la Marsiliana, proseguire sempre sulla SR74 fino a Manciano e da qui si giunge (ancora sulla SR74) a Pitigliano. Da Nord (Siena) o da Sud (Roma) prendere la SS2 Cassia fino ad Acquapendente, proseguire sulla SP49 per Onano, Sorano e da qui a Pitigliano.

 

In treno: non ci sono stazioni ferroviarie nelle vicinanze

 

In bus: comune servito dai servizi di Tiemme (www.tiemmespa.it)